Rosza Peter

Rózsa Péter nacque a Budapest, Ungheria, come Rózsa Politzer ma nel 1930, come molti altri ungheresi, cambiò il proprio cognome per rimuoverne il suono tedesco e conferirgli un aspetto ungherese.
Studiò alla Università Loránd Eötvös, orientandosi inizialmente verso la chimica più tardi si indirizzò alla matematica.
Dopo la laurea nel 1927 si dedicò a varie occupazioni, tra cui l'insegnamento liceale, proseguendo al contempo gli studi fino a conseguire il titolo di dottorato. Durante il collaborazionismo di Miklós Horthy con la Germania nazista, le fu interdetto l'insegnamento a causa delle sue origini ebraiche.
I suoi studi si rivolsero in particolare alle funzioni ricorsive, cioè quelle funzioni che al loro interno invocano sè stesse e che sono indispensabili nella programmazione.
Pensa ad esempio ad un programma che gestisce la visualizzazione dei file contenuti in una directory.
Dopo la guerra pubblicò la sua opera chiave "Rekursive Funktionen" grazie alla quale è oggi riconoscuta come la principale artefice della teoria speciale delle funzioni ricorsive. Insegnò all'Università Loránd Eötvös dal 1955 fino al ritiro, avvenuto nel 1975.
Chiamata affettuosamente "zia Rosa" dai suoi studenti, profuse il suo impegno in favore dello studio della matematica da parte dei giovani e per fornire maggiori opportunità al mondo della matematica al femminile.